Categorie
Cerca nel blog Search
  • Home
  • Consigli
  • Auto che non si accende: possibili cause e rimedi
Cerca nel blog Search
auto che non parte rimedi
auto che non parte rimedi

Auto che non si accende: possibili cause e rimedi

Capita a tutti almeno una volta nella vita: dopo aver stabilito l’itinerario e messo in ordine le tappe, proprio quando si è pronti a partire per un viaggio in auto o, più semplicemente, per svolgere le proprie attività quotidiane, l’auto non si accende.

Anche se il primo impatto con una vettura che si rifiuta di collaborare può essere spiazzante, però, non serve disperarsi. La situazione può, infatti, risolversi seguendo qualche semplice consiglio e, soprattutto, armandosi di molta pazienza.

Perché l’auto non si accende: possibili cause

Partiamo da un presupposto importante: quando l’auto non parte si tende immediatamente a pensare a un guasto del veicolo. In realtà non sempre è così, anzi: spesso le cause sono esterne, e ciò vale ancor di più per le auto a noleggio, che sono sempre sottoposte a manutenzione ordinaria e straordinaria.

Tra le cause esterne che più frequentemente portano l’auto a non accendersi ritroviamo le condizioni atmosferiche o degli errori comuni, spesso commessi del tutto in buona fede. Ma andiamo per ordine, partendo dal meteo avverso.

Non tutti lo sanno, ma la pioggia battente rientra a pieno titolo tra le cause di mancata accensione del veicolo. La colpa è generalmente delle strade allagate e di pozze dove ci si ritrova forzatamente a transitare che non sono solo causa di aquaplaning, ma possono far entrare acqua nel motore, cosa che gli impedisce di avviarsi.

Ciò può succedere anche a seguito di un impantanamento. Se, infatti, l’auto è rimasta bloccata nel fango a lungo potrebbe risentirne a posteriori. Altrettanto dannose sono le temperature rigide: giornate particolarmente fredde possono congelare il lubrificante del motore o far ghiacciare la batteria.

Anche guidare per molto tempo in aree polverose potrebbe creare dei problemi: si potrebbe infatti intasare il filtro dell’aria o potrebbe rimanervi incastrato un corpo estraneo. Il filtro dell’aria intasato può far bloccare il motore, che non riceve abbastanza ossigeno da miscelare con il carburante.

Per finire, ecco due errori davvero comuni: lasciare le luci del mezzo acceso, cosa che scarica la batteria, e fare frequenti rifornimenti con poca benzina, cosa che può invece far bloccare il galleggiante.

Auto che non parte: come rimediare

Preso atto delle cause, non resta che parlare delle soluzioni. Come abbiamo già accennato ci vorrà un po’ di pazienza: per esempio, se il problema è il motore bagnato è del tutto sconsigliato avere fretta nel tentare di farla partire.

Per quanto possibile, è invece necessario portare l’auto al riparo, allontanandola manualmente da torrenti d’acqua, e verificare l’entità del danno: se il filtro dell’aria non è bagnato è un buon segno. A questo punto l’unica cosa da fare sarà aspettare un’ora circa, per poi provare a farla ripartire ingranando la prima marcia e spingendo.

Per ciò che concerne il congelamento del lubrificante del motore, in realtà basterà insistere un po’ per permettere che si fluidifichi e torni alla normalità. Tuttavia, è bene non esagerare e dosare le accensioni in modo tale da non creare danni collaterali.

Più complesso è, invece, il problema della batteria ghiacciata o scarica: bisognerà infatti chiedere aiuto e rimettere in moto la vettura usando dei cavi d’avviamento. Prima di agire, però, sarà necessario spegnere qualsiasi cosa sia attivo all’interno dell’auto (dalle luci al riscaldamento) e chiudere tutte le portiere. Una volta usati i cavi bisognerà attendere qualche minuto prima di riavviare il motore.

Andando al filtro dell’aria intasato, la prima cosa da fare è pulirlo. Certo, il procedimento non dura pochi minuti ma è essenziale: bisogna metterlo in ammollo per 30 minuti in acqua tiepida e strofinarlo con uno sgrassatore, per poi risciacquarlo con acqua corrente tiepida.

Se, invece, il problema è il galleggiante bloccato, in primis è necessario fare rifornimento. Poi, il consiglio è quello di riempire il più possibile il serbatoio: a far bloccare il galleggiante è, infatti, il suo uso intensivo, dovuto al poco carburante che finisce in fretta.

Se invece stai guidando un’auto a noleggio è bene rivolgersi immediatamente all’assistenza stradale. Tra i servizi base inclusi in tariffa rientra, infatti, l’assistenza stradale per guasti meccanici non riconducibili a colpa del cliente.